CAPTOR Approda A Longare

Un progetto europeo per il monitoraggio dell’ozono in ambiente rurale

CAPTOR (Collective Awareness Platform for Tropospheric Ozone Pollution) è un progetto europeo finanziato dall’UE nell’ambito del programma HORIZON 2020, che ha come obiettivo il coinvolgimento dei cittadini nel monitoraggio dell’ozono troposferico in ambiente rurale.

Uno studio dell’Università di Barcellona ha dimostrato che le regioni europee maggiormente interessate dall’inquinamento da ozono sono Spagna, Italia e Austria. In Italia la zona più colpita comprende Veneto, Piemonte, Lombardia e Emilia Romagna. Queste sono le regioni che partecipano al progetto, coordinate da Legambiente che è partner ufficiale di CAPTOR in Italia.

Il progetto si svilupperà per un periodo di 3 anni (inizio 01-01-2016 – fine 31-12-2018), durante i quali verranno installati e testati in totale 35 sensori per il monitoraggio dell’ozono. Questi sensori, portatili e a basso costo, sono stati ideati e progettati per essere installati e manutenuti dagli stessi cittadini, i quali saranno parte attiva del progetto. Verranno coinvolti infatti nell’ospitare i sensori presso la propria abitazione e nel monitoraggio dei dati, in questo modo si intende portare i cittadini ad avere una maggiore consapevolezza dello stato della qualità dell’aria nella propria città.

La provincia di Vicenza è stata individuata come area maggiormente interessata dall’inquinamento da ozono e per questo motivo sarà il circolo di Legambiente, Festambiente Vicenza, a coordinare l’attuazione del progetto in Veneto.

Ii comuni che saranno chiamati ad installare sul proprio territorio i sensori sono Schio, Santorso, Valdagno, Longare, Mossano e Barbarano. L’associazione culturale Longare 2.0 collabora con Festambiente Vicenza per organizzare eventi e serate informative per la divulgazione e promozione del progetto CAPTOR nel Comune di Longare, con la supervisione di Martina Sartori, socia della nostra associazione che sta prestando Servizio Civile presso Festambiente Vicenza e che, assieme a Jessica Canella, volontaria di SCN, segue direttamente il progetto coordinando le attività sul territorio della provincia di Vicenza.

Locandina progetto Captor
Locandina progetto Captor

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *